Come nasce
kordan project

Koradan nasce da un incontro del tutto casuale, ma mai così congeniale, tra le note del polistrumentista Alex Baccari e la danzatrice Roberta Parolisi. Una serata “qualsiasi” di danza e musica, dove una semplice prova ha dato vita ad una vera e propria idea di progetto culturale e artistico a 360 gradi. L’idea fu quella di provare le delicate, dolci, sinuose e   movenze della danza orientale sulle note di uno strumento atipico per la tradizione araba come la Kora, un’arpa liuto di origini africane. Da qui il nome, Koradan, a simboleggiare l’incontro tra i suoni ancestrali e melodici della Kora appunto e la Danza, mediorientale ma non solo.

Il DOLCE DANZARE DEI SUONI CHE SI AMANO

Metto insieme le note che si amano (W.A.Mozart)

Non esiste riferimento migliore di tale frase di Mozart per chiarire al meglio ciò che il progetto intende promuovere. Il Maestro, con questa frase dalla semplicità estrema, riesce a spiegare al meglio quanta ricerca ci sia dietro alla riuscita della sua musica, delle sue composizioni. Così come lui cercava le note più adatte alla coesistenza, alla vicinanza sul pentagramma, anche Koradan si propone di attuare tale studio alla stessa maniera, ma traslandolo sulle sonorità, ovvero ricercando una più idonea giustapposizione e convivenza degli strumenti, affinché le loro dinamiche, i loro armonici e i timbri permettano un componimento ben riuscito.

Kordan 2016 - Tutti i diritti riservati